Marilia Rodrigues Silva Martins come Simonetta Cesaroni: le analogie tra i 2 delitti

  settembre 02, 2013  

Brescia - Due donne, entrambe giovani, more e belle, entrambe morte nel mese di agosto, entrambe sole in ufficio ed entrambe assassinate. Sono diverse le analogie tra la morte della 29enne brasiliana Marilia Rodrigues Silva Martins, il cui corpo senza vita è stato trovato nella serata dello scorso venerdì nell'ufficio dove la donna lavorava a Gambara, in provincia di Brescia , e quella di Simonetta Cesaroni, un omicidio ancora senza autore e divenuto uno dei misteri irrisolti degli ultimi 30 anni. Era il 7 agosto 1990 quando Simonetta Cesaroni, 21 anni, fu trovata massacrata con 29 coltellate nell'ufficio dell' Associazione degli Ostelli della gioventù in via Poma, a Roma , dove lavorava. Il cadavere della ragazza fu trovato dalla sorella Paola. Simonetta era nuda sul pavimento completamente insanguinata, ma non aveva subito violenza sessuale.
Per l'omicidio venne fermato Pietrino Vanacore, uno dei portieri dello stabile di via Poma, che sarà scarcerato il 30 agosto e non più rinviato a giudizio. Morirà suicida nel 2010. Nel 2007 emerse che il dna trovato sugli indumenti di Simonetta era dell'ex fidanzato Raniero Busco che venne quindi iscritto dalla procura di Roma sul registro degli indagati per omicidio volontario.
Nel 2011 Busco venne condannato a 24 anni di carcere. Nel 2012 una nuova perizia disposta dalla Corte d'Appello sembrò demolire le certezze degli esperti dell'accusa nel processo di primo grado. Le tracce sul corpetto di Simonetta erano sì di Busco, ma anche di altri due uomini da identificare.
Il 27 aprile 2012 Busco viene assolto in appello "per non aver commesso il fatto". E anche se il sostituto procuratore generale Alberto Cozzella ha presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza di assoluzione di Busco, il delitto Cesaroni a tutt'oggi resta senza colpevoli.

articolo completo




 
 
Lascia un commento