Decapitati e appesi - Cinque condanne a morte in Arabia Saudita FOTO

  maggio 21, 2013

Arabia Saudita -Decapitati e poi "appesi" per essere esposti come monito alla popolazione. Altre cinque condanne capitali sono state eseguite a Jizan, nella parte sud-occidentale del paese arabo, portando a 46 il numero delle persone uccise dalla "giustizia" saudita da inizio dell'anno.A scatenare le proteste internazionali, oltre all'uso della decapitazione quale barbaro metodo per porre fine alla vita dei condannati, è stata la decisione di appendere i corpi senza testa ad una sbarra che è stata sollevata a diversi metri di altezza per consentire al maggior numero di persone di assistere alla scena.
Un comportamento che suscita orrore e raccapriccio anche se sono molti, anche in Occidente, i Paesi nei quali vengono ancora oggi eseguite le condanne a morte.
La foto è miracolosamente "sfuggita" al rigido controllo delle autorità saudite e postata su Twitter e sta ora facendo il giro del Mondo sul web.

Attenzione - Le immagini sono forti e non adatte ad un pubblico impressionabile

... articolo completo: ogginotizie.it.cronaca

Autore: Associata ogginotizie.it.cronaca


 
 
Lascia un commento